15 49.0138 8.38624 arrow 0 none 4000 1 fade http://www.ilcontrafforte.com 300 4000
palazzetto dello sport

PALAZZETTO DELLO SPORT

25 aprile 2015
1052 VISUALIZZAZIONI
Pier Luigi Nervi lo concepisce con un’elegante calotta circolare a sesto ribassato con un diametro di circa 50 metri. Il modello a cui si ispira è indiscutibilmente il Pantheon.

Pier Luigi Nervi concepisce per il nuovo Palazzetto dello Sport un’elegante calotta circolare a sesto ribassato con un diametro di circa 50 metri appare quindi evidente che il modello a cui si ispira è indiscutibilmente il Pantheon.

In occasione delle Olimpiadi del 1960 Roma avvia un vasto programma di interventi con lo scopo di dotarsi di nuovi impianti sportivi moderni e funzionali tra i quali spicca il piccolo gioiello di viale Tiziano.

Un impianto flessibile, adattabile a diverse discipline, che potesse ospitare dai quattro ai cinque mila spettatori e sovrastato da questa cupola, che è poi l’elemento più caratterizzante, che poggia su trentasei cavalletti a forma di “Y” disposti radialmente  ed inclinati secondo la tangente alla curva del piano di imposta.

La maestria tecnica di Nervi ci ha consegnato un’edificio che, pur nelle sue ridotte dimensioni, assurge al ruolo di icona architettonica e che, al suo interno, custodisce uno spazio raffinato e luminoso reso suggestivo dalla nervatura che disegna l’intradosso della calotta.

Probabilmente uno dei palazzi dello sport più innovativi del novecento e che introduce nell’architettura sportiva il concetto di “dome” che verrà poi sviluppato dallo stesso Nervi nel Palazzo dello Sport del Eur e che diverrà quindi, nei decenni successivi, consuetudine utilizzare in ogni angolo del mondo